Analisi e Report

Investire in terre rare il prima possibile

Investire in terre rare

Già dal nome, puoi capire l’importanza di investire in terre rare: risorse la cui richiesta è in costante crescita.

La guerra commerciale dell’America con la Cina si è intensificata per anni, ma queste ultime settimane ha preso una piega disastrosa.

Dopo l’emarginazione di Huawei, un tempo astro nascente dell’industria tecnologica cinese, eliminato dalla lista dei fornitori statunitensi, anche TikTok rischia di essere messa alle corde.

Molto probabilmente la Cina reagirà in qualche maniera , ma con un ventaglio di opzioni disponibili, molti nel settore tecnologico stanno ora considerando scenari da incubo.

Gli elementi che compongono le terre rare sono fondamentali per l’industria High Tech.

Un’opzione particolarmente drastica sarebbe il divieto di esportazione delle terre rare – materie prime fondamentali per l’elettronica.

Questi elementi sono prodotti per lo più in Cina, e utilizzati negli Stati Uniti per tutto, dalle auto elettriche alle turbine eoliche, dagli smartphone ai missili.

Cosa sono le Terre Rare?

I giapponesi le chiamano “i semi della tecnologia”.

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti le chiama “metalli tecnologici”.

Essi rendono possibile il mondo dell’alta tecnologia in cui viviamo oggi.

Dalla miniaturizzazione dell’elettronica, all’abilitazione dell’energia verde e delle tecnologie mediche, al supporto di una miriade di sistemi essenziali di telecomunicazione e di difesa.

Grazie alle loro proprietà magnetiche, fosforescenti e catalitiche uniche, le terre rare rappresentano risorse indispensabili per l’industria tech e della difesa.

Se il futuro non può prescindere dalla tecnologia, quest’ultima non può fare a meno di terre rare.

Ecco perchè è importante investire in terre rare.

Quali sono questi elementi? 

Le terre rare sono 17 elementi della tavola periodica tra cui quindici lantanidi più lo scandio e l’ittrio.

Lo scandio e l’ittrio sono risorse ad alto valore rinvenibili nei giacimenti minerari dei lantanidi che presentano properità chimiche similari.

La quantità di terre rare utilizzate nelle apparecchiature ad alta tecnologia è nominale ma quasi sempre critica per le prestazioni dell’unità.

Per esempio,la produzione di un iPhone necessita otto terre rare – per tutto, dallo schermo colorato, agli altoparlanti, ai circuiti del telefono.

Mentre la quantità di terre rare in ogni telefono è molto piccola, la quantità di telefoni venduti ogni anno è impressionante.

Secondo Apple, sono stati venduti 2 miliardi di iPhone in 13 anni.

Quali sono le principali applicazioni?

Neodimio

Viene utilizzato per realizzare potenti magneti utilizzati negli altoparlanti e nei dischi rigidi dei computer per consentire loro di essere più piccoli e più efficienti.

I magneti contenenti neodimio sono utilizzati anche nelle tecnologie verdi come la produzione di turbine eoliche e auto ibride.

Lantanio

Questo elemento è utilizzato nelle lenti di macchine fotografiche e telescopi.

I composti contenenti lantanio sono ampiamente utilizzati nelle applicazioni di illuminazione al carbonio, come l’illuminazione degli studi e le proiezioni cinematografiche.

Cerio

Utilizzato nei convertitori catalitici delle automobili, permette loro di funzionare ad alte temperature e gioca un ruolo cruciale nelle reazioni chimiche del convertitore.

Il lantanio e il cerio sono utilizzati anche nel processo di raffinazione del petrolio greggio.

Praseodimio

Utilizzato per creare metalli forti da utilizzare nei motori degli aerei.

Il praseodimio è una tipologia di vetro, le visiere utilizzate dai saldatori e operatori del vetro vengono create a partire da questa terra rara.

applicazioni industriali delle terre rare
Gadolinio

Utilizzato nei sistemi di scansione a raggi X e a risonanza magnetica, e anche negli schermi televisivi.

Sono in corso ricerche sul suo possibile impiego per lo sviluppo di sistemi di refrigerazione più efficienti.

Ittrio, terbio, europio

Importante nella realizzazione di televisori e schermi di computer e altri dispositivi che hanno display visivi in quanto utilizzati nella realizzazione di materiali che emanano colori diversi.

L’europio è anche utilizzato nella fabbricazione di barre di controllo nei reattori nucleari.

Sono veramente così rare?

Lungi dall’essere un asso nella manica, si scopre che le terre rare sono più che altro un buco nell’acqua.

Le ragioni di questo sono numerose, e spaziano dalla geografia, alla chimica, alla storia.

Ma il fattore più importante è anche il più semplice da spiegare: le terre rare non sono poi così rare.

Un gruppo di 17 elementi, le terre rare sono ciò che l’USGS (United States Geological Survey) descrive come “moderatamente abbondanti”.

Ciò significa che non sono comuni come l’ossigeno, il silicio e il ferro, che costituiscono la stragrande maggioranza della crosta terrestre, ma alcuni sono alla pari con elementi come il rame e il piombo, che non consideriamo esotici o scarsi.

Depositi significativi esistono in Cina, ma anche in Brasile, Canada, Australia, India e Stati Uniti.

Gli stati e le aziende interessate ad investire in terre rare sono poche, ma la guerra per accaparrarsi i giacimenti è intensa!

La sfida di produrre terre rare (e la ragione per cui è stato dato loro il nome) è che raramente si trovano in grumi concentrati.

Questi sono elementi chimicamente socievoli, felici di legarsi con altri composti e minerali e di cadere nello sporco.

Questo rende l’estrazione delle terre rare dal suolo: una procedura lunga e straziante.

“Una volta estratta la terra, la grande sfida è la chimica, non l’estrazione mineraria”

Come dice Eugene Gholz, esperto di terre rare e professore associato di scienze politiche all’Università di Notre Dame: “Una volta estratto dal terreno, la grande sfida è la chimica, non l’estrazione mineraria; convertire le terre rare da roccia a elementi separati”.

Questo processo comporta una serie di bagni acidi e dosi malsane di radiazioni.

Questo è uno dei motivi per cui paesi come gli Stati Uniti sono stati più o meno felici di cedere la produzione di terre rare alla Cina.

È un’attività complessa e pericolosa, quindi perché non lasciarlo fare a qualcun altro?

Anche altri fattori hanno aiutato, tra cui il minor costo del lavoro e l’esistenza di miniere cinesi che producono terre rare come sottoprodotto.

L’influenza della Cina sul mercato delle terre rare è piuttosto recente.

Tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta, la maggior parte dell’offerta mondiale è stata effettivamente prodotta in America, dalla miniera di Mountain Pass in California.

L’impianto di lavorazione della miniera è stato chiuso nel 1998 dopo problemi di smaltimento delle acque reflue tossiche, e l’intero sito è stato dismesso nel 2002.

È solo a partire dagli anni ’90 che la Cina si è fatta carico della maggior parte della produzione, con i relativi costi ambientali.

Nel 2010, il governo cinese ha stimato che l’industria produceva 22,05 milioni di tonnellate di rifiuti tossici ogni anno.

Un dato spesso citato è che la Cina ora produce circa il 95 per cento delle terre rare del mondo, ma Gholz dice che questa statistica è “selvaggiamente obsoleta”.

Secono il grafico riportato di seguito la produzione cinese del 2019 rappresenta il 61,97% di quella globale.

Il giacimento di Bayan Obo nella Mongolia Interna, è attualmente la più grande riserva di terre rare nel mondo.

Il deposito contiene 48Mt di ossidi di terre rare (REO).

La miniera è in produzione dal 1957 e attualmente rappresenta oltre il 70% della produzione di elementi di terre rare leggere della Cina.

paesi produttori di terre rare

Fonte: Statista.com 

La dipendenza storica dell’USA alle terre rare cinesi

Sono passati cinque anni da quando i giganteschi camion che trasportavano terre rare attorno alla miniera di Mountain Pass, nel deserto del Mojave in California, hanno smesso di circolare. Molycorp (MCPIQ), l’unico grande produttore di terre rare degli Stati Uniti, era appena crollato sotto il peso di un debito di 1,7 miliardi di dollari.

Il fallimento ha bruciato gli investitori e ha lasciato la nazione quasi interamente dipendente dalla Cina per la fornitura di 17 elementi metallici che sono incorporati nella maggior parte dei prodotti high-tech.

Ora, mentre le relazioni tra Washington e Pechino si deteriorano ulteriormente, il governo statunitense sostiene la resurrezione di Mountain Pass, che fino agli anni ’80 era il più grande produttore mondiale di terre rare.

Durante la pandemia, la fornitura è stata interrotta per cui gli USA hanno capito che bisogna assicurarsi un livello di approvigggionamento stabile.

Per cui hanno deciso di non dover dipendere in maniera esclusiva da un unico stato o società fornitrice, soprattutto per fornitura di risorse vitali come le terre rare.

Il Pentagono ha accettato di finanziare MP Materials – una società finanziata da private equity, che ha acquistato la miniera per 20,5 milioni di dollari nel 2017.

La società ha riavviato gli scavi per progettare il primo impianto di lavorazione delle terre rare pesanti negli Stati Uniti presso il sito.

La società sta inoltre sostenendo un progetto simile in Texas proposto dalla società australiana Lynas, nel timore che la Cina possa interrompere le attività del settore della difesa degli Stati Uniti e di altri settori industriali interrompendo la fornitura di terre rare.

A luglio, ha consegnato 29 milioni di dollari alla Urban Mining Company in Texas, che produce magneti di terre rare riciclando i rifiuti elettronici.

La minaccia di sanzioni che Pechino ha minacciato di imporre a luglio a Lockheed Martin ha aggiunto urgenza agli sforzi per spezzare la morsa cinese sull’industria.

L’azienda controlla quattro quinti della fornitura globale di terre rare e una quota ancora maggiore della produzione di potenti magneti in terre rare – industrie del valore di 13 miliardi di dollari all’anno messe insieme.

L’amministrazione Trump ha stanziato 209 milioni di dollari in fondi pubblici per il settore – si pensa di includere i finanziamenti per MP Materials – quest’anno.

Per cui anche Donald ha capito l’importanza di investire in terre rare per difendere il predominio americano nel settore tecnologico.

Possibile guerra tra Cina e USA?

I media statali cinesi hanno sostenuto l’idea, definendo la dipendenza dell’America dalle terre rare cinesi “un asso nella manica di Pechino”.

Il presidente cinese in passato, aveva già valutato questa possibile opzione.

Le terre rare vengono identificate come “vitamine della chimica”, poiché anche piccole quantità di esse possono beneficiare nei processi di produzione di diversi oggetti.

Una spolverata di cerio qui e un pizzico di neodimio là rendono gli schermi televisivi più luminosi, le batterie durano più a lungo e i magneti più forti.

Se la Cina chiudesse improvvisamente l’accesso a questi materiali, sarebbe come riavvolgere l’industria tecnologica indietro di qualche decennio.

E nessuno vuole abbandonare il proprio iPhone e tornare a un BlackBerry.

Gli esperti del settore, però, sono molto meno preoccupati da uno scenario così agghiacciante.

Dicono che mentre una restrizione delle esportazioni di terre rare avrebbe alcuni effetti negativi immediati, gli Stati Uniti e il resto del mondo si adatteranno a lungo termine.

Nel caso in cui il governo cinese dovesse davvero bloccare le forniture, ci sarebbero difficoltà nel breve termine”.

Come investire nelle terre rare?

Investire in terre rare significa acquistare azioni di aziende che operano nell’estrazione e produzione di questi elementi.

Come anticipato, i principali operatori sono cinesi che sono società molto piccole le cui azioni hanno un prezzo estremamente volatile.

Per gli investitori più aggressivi, ci sono anche alcune piccole società speculative che hanno un profilo di rischio/rendimento più elevato.

Una società più grandi che abbiamo analizzato è una società australiana che ha circa il 14% di quota di mercato globale di terre rare; si chiama Lynas Corporation Limited (LYSCF).

Lynas ha un impianto di lavorazione in Malesia e ha firmato un accordo per fare lo stesso in Texas.

Il fornitore australiano Lynas ha sfruttato l’appoggio dei clienti giapponesi, che sebbene abbiano sostenuto costi maggiori hanno preferito livelli di sicurezza e stabilità della fornitura.

Tutto ciò da quando la Cina ha tagliato le quote di esportazione nel 2010.

lynas rare earths

Al contrario in USA ed Europa, le società hanno preferito l’approccio più miope e si sono mosse a favore di costi più bassi comunque garantiti dai produttori cinesi.

Un’opzione per investire su terre rare in maniera meno aggressiva, può essere acquistare un ETF.

Un modo semplice di investire attraverso un fondo strategico per lo scambio di metalli può essere rappresentato dallo strumento VanEck Vectors Rare Earth/Strategic Metals ETF (REMX).

Si tratta di un ETF riferibile ad un paniere di aziende che si occupano di metalli strategici e terre rare con una discreta esposizione nei confronti di aziende cinesi.

 

ETF terre rare

Valuta tutte le opzioni con cura ed effettua autonomamente la tua scelta a prescindere se si tratti di investire in terre rare o meno.

SEGUICI su Instagram e anche su Facebook

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Clausola di esclusione della responsabilità:

Finanza Informale® non accetta alcuna responsabilità per danni diretti, indiretti o consequenziali o per altri danni di qualsiasi tipo derivanti da qualunque causa attraverso l’uso di qualsiasi informazione ottenuta direttamente o indirettamente da Finanza Informale.

Ogni informazione potrebbe essere soggetta a modifica, senza preavviso. Infine, nessuna informazione deve essere considerata come un invito ad investire.

Autore

Finanza Informale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *