investire nell acqua cover

Investire nell’acqua

Non c’è bene più essenziale dell’acqua.

Ma l’offerta mondiale sta diminuendo man mano che il pianeta si riscalda.

È un buon momento, quindi, per considerare di investire in questo elemento essenziale per la vita.

L’acqua potrebbe essere proprio la materia prima da inserire nel proprio portafoglio investimenti.

Perché investire nell’acqua?

Man mano che la popolazione globale diventa più numerosa e più anziana, la domanda di acqua potabile cresce.

E non solo l’acqua per bere, ma tutta l’acqua pulita!

Infatti, un approvvigionamento idrico pulito è fondamentale per alimentare le fonti di cibo del mondo.

Il recente rapporto delle Nazioni Unite (ONU) sul cambiamento climatico, ci ha ricordato che il mondo si sta riscaldando rapidamente.

Inoltre il riscaldamento sta mettendo sotto pressione i terreni agricoli.

Tra le molte conclusioni allarmanti, il rapporto ha notato che molte aree stanno già sperimentando un declino nella disponibilità di acqua.

Investire sull'acqua - globale

Diagramma dell’uso globale dell’acqua dolce come proporzione delle risorse disponibili nel 2018

Uso dell’acqua dolce in proporzione alle risorse disponibili nel 2018

Dopo tutto, ci vogliono 15.000 litri d’acqua per produrre un chilo di carne bovina.

Al contrario è sorprendente bassa la quantità di acqua necessaria per una singola mandorla, pari a 12 litri.

Nonostante il pianeta terra diventa più popoloso e mangia meglio, l’ONU stima che entro la fine di questo decennio, l’offerta globale di acqua sarà inferiore del 40% alla domanda.

Non c’è dubbio che questi numeri siano spaventosi.

Ma per alcuni investitori, questa drammatica discrepanza tra domanda e offerta è un’opportunità di profitto.

Tra gli investitori in acqua di più alto profilo c’è Michael Burry: il medico diventato gestore di fondi speculativi che ha ispirato The Big Short.

Nel film, Burry ha un enorme successo dopo aver correttamente previsto la crisi dei mutui subprime.

Ma il film termina – piuttosto minacciosamente – con questo messaggio:

Foto di chiusura di The Big Short

Come si fa a investire nell’acqua?

A differenza, ad esempio, del grano o del caffè, l’acqua è una delle poche materie prime che non si possono acquistare tramite i mercati a termine agricoli.

Quello che si può fare è acquistare azioni di una delle molte società che forniscono acqua ai consumatori o che sviluppano la tecnologia che li aiuta a funzionare.

 

I fornitori d’acqua sono servizi pubblici regolamentati che operano sotto severi limiti su quanto possono far pagare ai clienti e quanto profitto possono ottenere.

Le utility – come Pennon (ticker: PNN) – possono essere investimenti da valutare e spesso pagano un dividendo dignitoso.

Nel caso di una strategia a più alto rischio e a più alto rendimento, le aziende di tecnologia dell’acqua – come Nomura Micro Science (ticker: 6254) – possono rappresentare un’alternativa.

Esistono fondi sull’acqua?

Ci sono alcuni fondi negoziati in borsa (ETF) che investono in aziende idriche.

Basta tenere a mente che spesso addebitano commissioni più alte rispetto agli ETF del mercato ampio che seguono l’S&P 500 o il FTSE 100.

iShares Global Water ETF

Il più grande per patrimonio è l’iShares Global Water ETF (ticker: IH2O), che segue l’indice S&P Global Water 50 e ha un rapporto di spesa dello 0,65%. Questo fondo ha aggiunto liquidità agli investitori per 11 trimestri consecutivi ed è salito molto più velocemente del più ampio mercato azionario: è aumentato di circa il 250% dal suo inizio nel 2007, rispetto a un raddoppio approssimativo dell’indice MSCI All-Country World.

I rendimenti dell’ETF sull’acqua

Invesco Water Resources ETF

Il secondo più grande ETF sull’acqua per patrimonio è l’Invesco Water Resources ETF (ticker: PHO), che traccia il Nasdaq OMX US Water Index, e il terzo più grande è il Lyxor World Water ETF (ticker: WAT), che traccia il World Water Index di Societe Generale. Entrambi hanno un rapporto di spesa dello 0,6%.

Molte delle aziende più performanti in questi ETF provengono dalla parte tecnologica dell’industria, piuttosto che dalla parte regolamentata delle utility. La britannica Halma e l’italiana Interpump, per esempio, sono salite più del 600% da quando l’ETF sull’acqua di iShares è stato formato nel 2007.

Investire sull'acqua - performance settore

Performance dei membri dell’indice S&P Global Water 50 da marzo 2007

Per una tassa annuale più pesante, si potrebbe pompare il proprio denaro in un fondo focalizzato sull’acqua gestito attivamente, dove un gestore di fondi umano seleziona i titoli che pensa possano sovraperformare il mercato. Un esempio è l’Allianz Global Water Fund, che vanta una commissione di gestione annuale superiore al 2% – quasi quattro volte di più di quanto addebitato dagli ETF sull’acqua. Allianz, da parte sua, sostiene che un tale approccio attivo può fornire capitale alle aziende meglio posizionate per migliorare la situazione idrica mondiale con la tecnologia.

Dal suo inizio nell’ottobre 2018, il fondo Allianz è salito del 58% – mentre l’S&P water ETF è salito dell’80%.

Ci sono altri modi di investire nell’acqua?

Potresti copiare Michael Burry e comprare tratti di terreni agricoli irrigati.

Dopo tutto, l’ONU stima che il 72% di tutta l’acqua è usata per l’agricoltura.

“Il cibo è il modo di investire in acqua”, ha detto Burry al New York Magazine nel 2015.

“Cioè, coltivare il cibo in aree ricche d’acqua e trasportarlo per venderlo in aree povere d’acqua. Questo è il metodo per ridistribuire l’acqua che è meno controverso, e alla fine può essere redditizio.”

Però non è esattamente pratico investire su terreni agricoli.

Invece, si potrebbe comprare in Real Estate Investment Trusts (REITs) che si concentrano sull’agricoltura. Per esempio, Gladstone Land Corp. (ticker: LAND) e Farmland Partners (ticker: FPI) acquistano terreni e poi li affittano agli agricoltori.

Qual è la fregatura?

Le azioni dell’acqua hanno già avuto una grande corsa nell’ultimo anno: l’indice S&P Global Water è attualmente scambiato a 39x i profitti stimati delle sue aziende.

Il prezzo è molto alto e viaggia ai 19x dell’indice MSCI All-Country World.

Questo rende l’indice dell’acqua più del doppio più costoso del mercato.

Al contrario, è stato solo circa il 20% più costoso in media dal 2007.

Valutazione relativa degli ETF per investire nell’acqua

Infatti, non c’è alcuna garanzia che i terreni coltivabili aumentino di valore.

Come la maggior parte delle industrie, l’agricoltura sta migliorando la sua efficienza ogni anno che passa e vengono sviluppate nuove varietà di colture che non sono così assetate.

Più cibo prodotto dalla stessa area di terra, potenzialmente con meno acqua, potrebbe mettere pressione al ribasso sui prezzi dei terreni.

Il costo dei terreni agricoli nel Midwest americano, per esempio, è cambiato appena nell’ultimo decennio

Variazioni di prezzo dei terreni agricoli

Variazioni di prezzo dei terreni agricoli del Midwest

Gli esseri umani avranno sempre bisogno dell’acqua, ma un buon investimento si muove sulla linea tra domanda e offerta.

Alla fine sta a voi decidere se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto.

Migliora le tue competenze in campo finanziario…

>>> SCARICA GRATIS L’EBOOK SUGLI INVESTIMENTI <<<

Autore

Francesco Marinucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *