arbitraggio FI

Cos’è l’arbitraggio in finanza: significato

Cos’è l’arbitraggio in finanza?

Immagina che in un due mercati distinti ci siano persone che sono disposte a comprare lo stesso bene ma per due prezzi diversi.

Sicuramente la prima cosa che verrebbe in mente ad un buon investitore è di comprare il bene nel mercato dove il bene costa di meno e rivenderlo in quello più caro. 

 

Questa strategia può essere adottata anche con gli strumenti finanziari, in tal caso prende il nome di arbitraggio.

Definizione

Cos’è l’arbitraggio in finanza?

In ambito economico-finanziario l’arbitraggio è un’operazione che consiste nell’acquistare un bene (asset) o un’attività finanziaria su un mercato e nel rivenderla quasi istantaneamente su un altro.

L’arbitraggio serve a sfruttare le differenze di prezzo al fine di creare una plusvalenza.

Sarebbe lecito chiedersi come sia possibile che diversi mercati diano prezzi diversi allo stesso bene.

Le risposte possono essere le più varie.

Un esempio potrebbe essere quello di un’azione venduta in due paesi diversi.

In tal caso è molto probabile trovare delle differenze di prezzo a causa delle discrepanze fra i tassi di cambio delle due valute.

Cos’è l’arbitraggio in finanza? Arbitraggio su Forex

Il forex (ovvero il mercato valutario) è la piattaforma sulla quale le operazioni di arbitraggio possono risultare più redditizie.

Questo non solo grazie al fatto che una stessa coppia può essere prezzata in modo diverso su piazze diverse ma anche grazie alla possibilità che i rapporti di prezzo fra più valute siano diversi.

Ma è così facile guadagnare con l’arbitraggio?

Ovviamente questa strategia non è facilmente applicabile.

Infatti i mercati finanziari dispongono sicuramente di un mondo di informazioni e strumenti molto più ampio del nostro.

Questo fa di loro degli attori capaci di modificare i loro prezzi in modo molto veloce.

Tuttavia non sono mai efficienti in modo del tutto completo.

E allora cos’è l’arbitraggio in finanza? Il metodo per sfruttare queste inefficienze!

Per questo possono verificarsi, per minimi intervalli di tempo, delle situazioni di inefficienza in cui i prezzi di un asset sono diversi su due mercati.

In una tale situazione agisce il trader che, con elevata rapidità, deve compiere l’operazione generando guadagno.

Possiamo quindi dire che il fattore chiave di queste operazioni è la rapidità di agire.

Differenza rispetto alla speculazione

Cos’è l’arbitraggio in finanza? E in cosa è diverso rispetto alla speculazione? 

Con la prima strategia andremo a fare il nostro capital gain (plusvalenza) comprando uno stesso asset su un mercato e rivendendolo istantaneamente su un altro, sfruttando l’inefficienza dei mercati.

Grazie alla speculazione, invece, andremo a creare il nostro guadagno comprando un’ attività finanziaria ad un dato prezzo e rivendendola in futuro ad un prezzo più alto, anche sullo stesso mercato.

Capirai adesso perché si dice spesso che “l’arbitraggio opera nello spazio e la speculazione opera nel tempo”.

L’arbitraggio in finanza come cura del mercato

A questo punto ci risulta semplice capire che le operazioni di arbitraggio concorrono alla “salute” generale del mercato.

Infatti l’arbitraggio incentiva gli operatori all’allineamento dei prezzi e quindi concorre all’eliminazione delle inefficienze di mercato.

Migliora le tue competenze sul mondo finanziario, leggi anche questo!

Autore

Emilio Ponzecchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.